Come SPAZZOLARE perfettamente i denti a mio figlio SENZA DIMENTICARE NULLA? Il mio metodo AEIOU

Come SPAZZOLARE perfettamente i denti a mio figlio SENZA DIMENTICARE NULLA? Il mio metodo AEIOU

Hai la certezza di non trascurare alcun punto quando lavi i denti del tuo bambino? Oppure desideri insegnargli a prendersi cura dei suoi denti in autonomia senza che si dimentichi qualche zona? Adotta il mio pratico metodo AEIOU. Seguendo l’ordine delle vocali, sarai sicuro di non trascurare nessun dente e garantire un sorriso pulito a tuo figlio! Ricorda sempre di dedicare due minuti al lavaggio dei denti.

Se non ti va di leggere tutto l’articolo, ho la soluzione: guarda il mio video che trovi qui sotto, che tratta proprio questo argomento!

Il mio metodo AEIOU per avere sempre un Sorriso Pulito

La A per le superfici interne

Iniziamo con una bella A: guarda attentamente le superfici interne dei denti, quelle che masticano. Anche se spesso non ci si dimentica di pulirle, è cruciale farlo in modo accurato. Comincia con i denti inferiori, facilmente visibili. Segui un ordine preciso, partendo dall’ultimo dente a destra, sfregando delicatamente fino all’ultimo dente a sinistra. Per prevenire le carie, non dimenticare di spazzolare bene anche dietro ai molari, inclinando leggermente il manico dello spazzolino.

Adesso, sempre con una A bella grande, gli fai inclinare leggermente il collo verso l’alto. Questo ti darà una visuale chiara dei denti superiori. Ripeti il processo, partendo da dietro il molare destro e spazzolando fino al molare sinistro. Assicurati di pulire anche dietro agli incisivi superiori, spesso trascurati.

Focalizza la tua attenzione sulle zone interne alla bocca, ovvero le superfici dentali verso la lingua e verso il palato. Mantenere un ordine è fondamentale per non tralasciare nulla. Questo metodo, simile a quanto faccio io quando lavoro, garantisce che nessun dettaglio venga dimenticato.

E ora… Compriamo un’altra vocale!

La E per le zone posteriori

Osserva attentamente come cambia la posizione delle labbra e delle guance quando si pronunciano la lettera A o la lettera E. Con la lettera E, potrai delicatamente tirare leggermente la guancia del tuo bambino e pulire in modo impeccabile le zone esterne dei denti posteriori.

Questa zona non è ben visibile se la bocca è aperta spalancata. Quindi la formazione di tartaro è rapida, proprio per la facilità a trascurare questa zona.Se ogni giorno dimentichi di spazzolare un punto, si accumula molta placca batterica, che nel tempo si calcifica e diventa tartaro. Questo tartaro si può rimuovere solo con una seduta di igiene orale professionale.

La I per i denti frontali

Quando ho cominciato a lavorare come igienista dentale pediatrica, ho notato con sorpresa che i bimbi sono più bravi a spazzolare i denti posteriori rispetto a quelli davanti. Questo potrebbe essere di nuovo attribuito al fatto che, con la bocca spalancata, la zona anteriore non è facilmente visibile.

Infatti, spiego sempre ai miei piccoli pazienti come ottenere un sorriso perfettamente pulito. Utilizzo lo specchio per far vedere loro che gli incisivi sono visibili quando sorridono o parlano. Puoi sfruttare anche tu questo metodo, per instillare una consapevolezza diretta, rendendo il processo educativo più coinvolgente e comprensibile.

Riassumiamo velocemente come sfruttare le prime tre vocali: la A per le zone interne, la E per le esterne e la I per i denti frontali.

La O per sciacquare

È importante che il tuo bambino impari a sciacquare e sputare bene. Questo è un allenamento da fare a casa. È comprensibile che fino ai 3 anni non sia in grado di sciacquare correttamente, quindi per evitare l’ingestione eccessiva di dentifricio, ti consiglio di limitare l’uso di prodotto sulle setole dello spazzolino.

È comunque importante acquisire gradualmente questa competenza, anche per non allagare l’ambulatorio del dentista al prossimo appuntamento 😛

La U per il gran finale

Ora, per concludere la pulizia dei denti, avvicinate delicatamente le labbra, formando una U con la bocca, e datevi un tenero bacino. Bravi, avete finito un perfetto lavaggio dei denti anche oggi!

Vedrai che adottando una procedura ordinata come il mio metodo AEIOU, ti permetterà di prevenire le carie e altri problemi in maniera eccellente.

LEGGI ANCHE: 10 metodi efficaci per prevenire le carie nei bambini

Seguimi anche su YouTube per rimanere sempre aggiornato!

5 trucchi geniali per GENITORI INDAFFARATI: come assicurare un sorriso perfetto al tuo bambino

5 trucchi geniali per GENITORI INDAFFARATI: come assicurare un sorriso perfetto al tuo bambino

1. Scegli gli strumenti giusti: è un ottimo punto di partenza

Prova a immaginare: tra due minuti devi accompagnare tuo figlio a scuola, andate in bagno per lavare i denti, ma lo spazzolino elettrico ormai non regge più la carica, lo spazzolino da viaggio di riserva gli dà fastidio alle gengive, il dentifricio ha un gusto che non gli è mai piaciuto e lo scovolino è troppo grande per entrare nei suoi spazi interdentali. Un autentico disastro e una perdita di tempo inutile.

Soprattutto per i genitori molto impegnati, avere a disposizione i prodotti adatti all’età del bambino, con design accattivanti e funzionalità adeguate, può davvero semplificare notevolmente il processo di igiene, che spesso risulta poco gradito.

Non bisogna per forza spendere molti soldi per avere gli strumenti giusti, e averli già in casa ti farà risparmiare molto tempo e fatica a ogni lavaggio dei denti.

Ho realizzato un video dove spiego come trovare lo spazzolino manuale migliore per il tuo bambino. Dai un’occhiata!

Guida all’acquisto dello spazzolino manuale per tuo figlio

Qui sotto invece, condivido un video che spiega l’importanza di usare la testina Oral-B Kids sullo spazzolino elettrico del tuo bambino.

Perché usare le testine Oral-B Kids

Oppure leggi il mio articolo in cui parlo del dentifricio migliore per i bambini fino ai 13 anni.

2. Incoraggia l’indipendenza

Per i genitori sempre in corsa, incoraggiare l’autonomia nei propri figli durante il lavaggio dei denti è vitale. Pur riconoscendo che fino ai dieci anni la supervisione è essenziale, promuovere gradualmente l’indipendenza in questa pratica quotidiana è un investimento prezioso.

Insegnare tecniche adeguate (come il mio metodo AEIOU) e garantire un ambiente confortevole può trasformare il lavaggio dei denti in un’esperienza positiva. Questo processo non solo libera il genitore da compiti aggiuntivi, ma insegna al bambino abitudini igieniche fondamentali, preparandolo a una futura autonomia nella cura della propria salute orale.

Raggiungere una manualità eccellente nel lavaggio dei denti richiede molto tempo, quindi affronta con pazienza e comprensione tutte le fasi di apprendimento di tuo figlio.

3. Crea una routine potente

Trova un momento breve ma regolare, magari prima del bagno serale, per il lavaggio dei denti. Integrare questo passaggio nell’abitudine quotidiana aiuta a rendere la cura orale più facile. Utilizza la tecnologia a tuo vantaggio impostando un promemoria serale su Alexa.

In questo modo, anche se il lavaggio dei denti a volte è poco attraente, tramite la comodità di un promemoria automatico, la salute dentale di tuo figlio rimane una priorità della serata.

4. Coinvolgi tuo figlio con consapevolezza

Comunicare l’importanza della salute orale al proprio figlio diventa un processo coinvolgente ed educativo. Leggere insieme libri, guardare video o cartoni sui denti può essere un modo divertente per introdurre il tema. Esistono app progettate appositamente per guidare i bambini attraverso questa esperienza, rendendo il processo di apprendimento più interattivo.

Anche mostrare al bambino come i suoi denti sono visibili quando parla o sorride, attraverso uno specchio, è un modo tangibile per far capire l’importanza della cura dentale. Questa pratica non solo sensibilizza il bambino, ma lo coinvolge attivamente nel processo di apprendimento.

Incoraggiare la consapevolezza durante i pasti e le conversazioni è altrettanto essenziale. Focalizzarsi su come i denti sono fondamentali mentre mangia o parla sottolinea l’importanza di avere denti sani e belli. Creare queste connessioni tra le azioni quotidiane e la salute orale offre al bambino un quadro comprensivo, rendendo la cura dentale una priorità naturale.

5. Andare dal dentista regolarmente non è mai una perdita di tempo, anche quando hai poco tempo

Accompagnare tuo figlio dal dentista è un saggio investimento, non una perdita di tempo. In questi brevi appuntamenti di controllo, sta infatti costruendo la base per una salute orale robusta.

Tramite le visite regolari, il dentista pediatrico e l’igienista dentale identificano tempestivamente gli eventuali problemi presenti, prevenendo complicazioni future o altri appuntamenti più lunghi e invasivi. Oltre a ciò, abituare i bambini ad andare dal dentista due o più volte all’anno rende questo appuntamento routinario e non straordinario. Questa regolarità aiuta anche a ridurre l’ansia del bambino.

Ogni appuntamento diventa un’opportunità per promuovere la salute a lungo termine, donando a tuo figlio la sicurezza di un sorriso sano. Considera queste visite come preziosi investimenti di tempo per il sorriso pulito del tuo bambino.

In conclusione, comunicare l’importanza della salute orale a tuo figlio attraverso un approccio interattivo, quotidiano e professionale crea un ambiente positivo. Questo aiuta a far sì che impari bene e a sviluppare buone abitudini per prendersi cura dei suoi denti, anche quando hai mille altre cose da fare.

Seguimi su YouTube per avere tanti altri consigli utili!

Igiene dentale eco-friendly

Igiene dentale eco-friendly

Ormai è sempre più importante usare meno plastica possibile e pensare a quali conseguenze hanno i nostri gesti quotidiani. Quindi voglio darti qualche spunto anche per l’ambito dentale!

  • La testina dello spazzolino elettrico è più piccola rispetto al classico spazzolino manuale, quindi si consuma meno plastica ad ogni ricambio;
  • Se utilizzi lo spazzolino di bambù ricordati di staccare le setole con una pinzetta prima di buttarlo via. Infatti le setole sono in plastica, quindi non sono biodegradabili;
  • Il filo interdentale è quasi sempre fatto di nylon, quindi non deve essere scaricato giu per il water, ma deve essere buttato nel pattume;
  • Gli scovolini non sono usa e getta: si possono usare 3-5-7 volte o comunque finché non sono evidentemente consumati;
  • I dentifrici con microgranuli sono da evitare perché contengono una grande quantità di micro plastiche che non riescono ad essere filtrate dai filtri, quindi finiscono in mare;
  • I chewingum devono essere buttati nel pattume e mai per terra;
  • Bisogna chiudere il rubinetto durante lo spazzolamento dei denti, dato che è una procedura che richiede 2-3 minuti e consumerebbe litri e litri di acqua.

Spero di esserti stata utile e di averti insegnato qualcosa di nuovo e che possa servire a migliorare il nostro pianeta 😛

Photo credit: yaara on instagram